"Tutti quanti hanno nel cassetto un sogno o un’idea milionaria per il proprio business…

Guarda il Video qui sotto!

Ecco le uniche tre persone al mondo che possono aiutarti a realizzare davvero ciò che desideri.”

Ma prima di iscriverti al corso di marketing più grande mai tenuto in Europa, leggi attentamente questa pagina…

Esistono 7 Principi Immutabili del Marketing che Frank Merenda, il suo mentore Jay Abraham e la leggenda del rock, nonché imprenditore, Bruce Dickinson vogliono farti conoscere gratuitamente prima di mettere piede nello stadio dove — per ben due giorni — sarai esposto al raggio magico che ti conferirà i superpoteri per conquistare clienti e moltiplicare di almeno 10 volte la quantità di contratti che sei abituato a chiudere… come dimostrato negli anni dalle storie delle loro aziende e degli infiniti studenti che hanno in ogni settore!

Questi principi sono progettati per mettere più denaro nelle tue tasche e più clienti paganti nella tua azienda.

Frank Merenda è l’esempio vivente più rilevante in Italia e in Europa di come i principi immutabili — che Jay gli ha personalmente insegnato e che Jay stesso divulga da oltre 40 anni — possano farti ottenere risultati devastanti per la tua concorrenza, in molti casi da un giorno all’altro e alcune volte su una scala che sembra impossibile anche solo pensare realistica.

Jay – noto come “l’uomo da 21,7 miliardi di dollari” — ha dedicato la sua carriera a risolvere problemi aziendali complessi e ad aggiustare le aziende meno performanti.

Ha aumentato significativamente i profitti di oltre 10.000 clienti in più di 1.000 settori, e oltre 7.200 sotto nicchie, a livello globale. Jay ha studiato e risolto praticamente ogni tipologia di problema, di opportunità e di sfida legata al mondo del business.

E possiede un talento prodigioso nell’aumentare le entrate e le performance aziendaliIl suo “segreto”, infatti, sta nell’osservare le aziende da punti di vista totalmente non convenzionali, svelando asset nascosti, opportunità trascurate e strategie sottovalutate dai suoi clienti.

"Otterrai sicuramente dei benefici”

“Jay mi ha spiegato come posizionarmi sul mercato in modo unico, come comunicare e come penetrare efficacemente in mercati selezionati. Sei hai l’opportunità di partecipare a uno dei suoi speech, otterrai sicuramente dei benefici per la tua attività.”

Daymond John

CEO di FUBU

Forbes

Forbes ha definito Jay “the REAL THING” e lo ha inserito tra i migliori formatori degli Stati Uniti. La specialità di Jay è trasformare le aziende che performano al di sotto delle loro possibilità in maghi del marketing e delle vendite.

Forbes

FedEx

“Ho conosciuto solo due geni del marketing nella mia vita. Il primo è stato Vince Fagan, l’uomo che ha creato la frase: “When it absolutely, positively has to be there overnight FedEx.” (Quando deve assolutamente, certamente arrivare entro il giorno successivo: FedEx).

Il secondo è Jay Abraham. Jay ti insegna le tecniche e le strategie più attuabili, tangibili e profittevoli che tu possa mai applicare probabilmente nel corso di tre vite. Ma quello che ti insegna sulla mentalità è il suo vero dono.”

Michael Basch

Fondatore di FedEx

SUCCESS

“Jay Abraham… probabilmente il più grande esperto di marketing vivente. Un uomo che può trasformarti da pivello del marketing in soldato delle forze speciali!”

SUCCESS

The New York Times

“Se la misura dello status di una professione è la tariffa che un professionista può applicare, allora il marketing è diventato maggiorenne. Jay Abraham si fa pagare 15.000$ all’ora per le consulenze telefoniche sul marketing ed è specializzato nell’aiutare le aziende a crescere.”

The New York Times

È l’uomo di cui hai bisogno, se desideri risolvere le tue “gatte da pelare” e portare la tua attività a un livello superiore.

Ma quando ho scritto che sei di fronte al “corso di marketing più grande e importante mai tenuto in Europa”, non stavo esagerando. Non mi riferisco, infatti, soltanto al numero di imprenditori, liberi professionisti e venditori che saranno presenti, ma anche alla caratura del relatore che calcherà il palco insieme a me e a Jay.

Si tratta di… una vera LEGGENDA!

Non è un formatore, né un coach e nessuno lo ha mai visto nelle vesti in cui si proporrà in esclusiva ai fortunati partecipanti di Merenda Rock Marketing.

È un vero numero uno nel suo settore a livello mondiale, un imprenditore che ha fatto la storia in senso letterale.

Di fatto è la persona più importante di sempre, di ogni settore, tipologia, razza, religione, mestiere, etnia ecc. mai portata in Italia.

Le sue conoscenze su business e marketing non hanno prezzo e sono inimitabili, così come tutta la sua vita è una storia inimitabile e impossibile da raccontare.

Sto parlando di Bruce Dickinson.

Cantante e leader carismatico degli Iron Maiden, una delle più grandi band Heavy Metal del pianeta, è arrivato al vertice delle classifiche, nonostante il genere musicale “non per tutti”, vendendo oltre 100 milioni di dischi in 40 anni di attività.

Come Steve Jobs, venne allontanato dalla sua azienda, per poi essere richiamato anni dopo in ginocchio prima che tutto fallisse. Ed esattamente come Jobs l'ha riportata ai fasti di un tempo e oltre.

È in grado di riempire gli stadi di tutto il mondo, con spettacoli dalle scenografie incredibili e folle oceaniche in visibilio. E allo stesso tempo, sa coniugare magistralmente l’enorme talento artistico con la capacità di monetizzare la fedeltà dei fan, grazie a membership, fan club, videogiochi a tema e merchandising di ogni tipo.

Ma oltre a vantare una carriera musicale di enorme successo, Bruce è anche pilota di linea per una compagnia aerea, imprenditore, produttore di birra, scrittore, deejay radiofonico, sceneggiatore per il cinema, e come se non bastasse è anche un campione di scherma a livello internazionale.

Insomma, Bruce Dickinson è un mito, una leggenda vivente, e sarà con noi al corso di marketing più grande mai tenuto in Europa, dove potrai conoscerlo, ascoltare i suoi insegnamenti e la sua storia allucinante dal vivo.

Per dirtela tutta, dovresti aver già capito che questo è veramente un corso senza precedenti nella storia.

E l’enorme scrigno di informazioni, strategie e insegnamenti che otterrai da menti del livello di Jay e Bruce è letteralmente impagabile.

I principi di Jay Abraham, per esempio, non sono “teoria”. Sono tutte tecniche pratiche completamente applicabili e dal valore immediato. Possono essere usate con successo dal piccolo negozio di quartiere, da lavoratori autonomi, liberi professionisti e PMI, fino alle grandi aziende.

Che tu sia un idraulico, un pizzaiolo, un parrucchiere, un estetista, un dentista, un avvocato, un grande capitano d’industria, un artigiano che lavora con la sua famiglia o un giovane “start-upper”, questi principi possono fare per te quello che hanno già fatto per migliaia di persone.

Aiutarti a raggiungere un livello di successo imprenditoriale e soddisfazione personale che non hai mai nemmeno pensato possibile.

Ma prima è fondamentale che tu legga ciò che Frank ha da dirti proprio su questi principi:

Principio Immutabile Numero 1:

Non impedire ai tuoi clienti di comprare

Ciao, sono Frank Merenda.

Nel corso degli ultimi 10 anni ho creato brand di estremo successo nel mondo della formazione. Venditore Vincente, Marketing Merenda, il Circolo degli Imprenditori, Merenda Monthly sono solo alcune delle mie creature.

Sono autore dei libri “Il marketing fa schifo… se lo studi all’università”, “Le 7 Leggi del Marketing per il 21° secolo” e “Vendere fa schifo… se non sai come farlo”.

Dal 2012, migliaia di persone hanno partecipato ai miei corsi e tengo regolarmente importanti summit su marketing e vendita negli USA, e ora anche sul mercato spagnolo.

L’infinita esperienza di Jay e la mia pratica sul campo, in Italia prima e in Europa poi, mi hanno rivelato negli anni una verità scioccante:

La maggior parte delle persone che ha un’azienda, o un qualunque tipo di attività in proprio, mette dei limiti alla quantità di affari che i clienti vogliono e possono fare con loro.

Ovviamente non è una cosa che fanno di proposito, ma i risultati di queste azioni sono devastanti. Perché è come se in azienda tutto quanto fosse realmente progettato nei dettagli per impedire ai clienti di comprare, e questo porta ad avere:


  • un numero infinito di vendite profittevoli che potrebbero essere chiuse e non vengono chiuse; 
  • un numero incalcolabile di clienti ai quali viene impedito di ricevere un servizio completo e pienamente soddisfacente; 
  • e un numero altrettanto incredibile di opportunità per far crescere il proprio giro di affari e raggiungere i propri desideri e obiettivi personali.

Tutto questo viene gettato al vento e alle ortiche in maniera del tutto involontaria

L’ho visto accadere un numero infinito di volte.

Fortunatamente, grazie agli insegnamenti di Jay, sono stato in grado di evitare questa trappola e sono riuscito a salvare migliaia dei miei studenti dal farsi molto male e gettare le opportunità che si paravano davanti ai loro occhi.

Ed è per questo motivo che ti sto completamente regalando questo vero e proprio manuale pratico.

Non voglio che tu perda una singola opportunità di spremere il massimo profitto dai clienti che hai già e da quelli che otterrai nel prossimo futuro.

Loro sono il tuo tesoro più prezioso.

I clienti che hai già — anche e soprattutto quelli che non acquistano da te da tanto tempo — sono un’opportunità che puoi sfruttare immediatamente.

Anche se vendi prodotti o servizi che si comprano una volta sola nella vita, o che comunque si rinnovano o si sostituiscono a distanza di molti anni, non devi perdere occasione di usare i tuoi vecchi clienti per “spremerli” il più possibile, facendoti passare referral, cioè conoscenti, parenti, colleghi o amici che possono essere interessati a ciò che vendi.

Clienti che sono molto meno sensibili al prezzo, meno diffidenti e che oppongono molta meno resistenza, se ti vengono presentati da un conoscente in comune piuttosto che se ti incontrassero “a freddo” e senza l’introduzione di nessuno la prima volta.

In generale, possiamo creare da subito più opportunità per ogni cliente di comprare da noi qualcosa, di farlo più frequentemente, di acquistare più di quanto acquisterebbe se non adeguatamente “stimolato” e di presentarci conoscenti che potremmo aiutare come abbiamo fatto con lui.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Le Quattro vie per far crescere il tuo conto corrente

Tu puoi trovare nuovi clienti o… puoi fare in modo che i clienti che hai già acquistino da te più frequentemente o… puoi dare ai tuoi clienti più opportunità di aumentare la quantità di denaro che spendono presso di te comprando volumi maggiori o… puoi fare in modo che i tuoi clienti ti portino altri clienti paganti.


In maniera sintetica le 4 vie sono:


  1. Trovare nuovi clienti.
  2. Aumentare la frequenza di acquisto.
  3. Aumentare i volumi di acquisto.
  4. Generare referral.

Se un imprenditore, un lavoratore autonomo o un libero professionista cadono nell’abitudine devastante di limitare le proprie opportunità di vendita, quasi sempre è perché il nostro capitano d’azienda sta guardando al proprio metodo per trovare clienti e vendere con una visione a cavallo col paraocchi invece che con una visuale periferica a 360° (come se avessimo occhi anche dietro la testa!).

Gli imprenditori offrono ai clienti troppa poca scelta, fanno troppe poche offerte e con troppi pochi livelli di prezzo differenti

Se non vengono guidati, gli imprenditori non riescono a capire che i clienti comprerebbero di più se gliene fosse data l’opportunità… e comprerebbero più frequentemente!

Quello che sto cercando di spiegarti è che voglio aiutarti ad uscire dalla visione piatta, lineare e con il paraocchi del “tutti nel mio settore fanno così, abbiamo sempre fatto così, non so che altro fare, ho paura di sbagliare, di perdere tempo e che non funzioni” verso una visione di crescita esponenziale e geometrica.

Non voglio per te una crescita piccola o proporzionale. Voglio per te una crescita esplosiva ed esponenziale.

Voglio vedere i grafici dei tuoi risultati bucare la parte superiore della lavagna e raggiungere il soffitto!

Permettimi di farti un esempio.

Facciamo finta che tu abbia rilevato da tuo padre una piccola azienda, attività, negozio, ristorante, pizzeria, salone o studio. L’azienda si basa e si è sempre basata sul passaparola, sulla buona posizione in strada e negli anni d’oro, sul comparire sulle “Pagine Gialle”, come milioni di imprenditori hanno fatto da sempre.

Zero marketing, perché non ce n’è mai stato bisogno e comunque non si sapeva come farlo, se non spendendo soldi (spesso sprecati) per qualche passaggio alla radio locale, sul giornale locale o prima delle proiezioni dei film al cinema locale.

Quando hai rilevato l’attività, hai continuato la tradizione, cercando di “mandare avanti la barca”.


Risultato: l’azienda va “così così” e tu e un piccolo numero di dipendenti fate fatica a pagarvi un onesto stipendio, sempre inseguiti da debiti, tasse e problemi vari.

Contemporaneamente, però, dall’altra parte della strada, un concorrente si è preparato per farti fuori

È nel tuo stesso settore e vende i tuoi stessi prodotti o servizi ma, a differenza tua, non sta gettando solo UNA lenza nel lago, ma molte, molte lenze per pescare nuovi clienti.

Inoltre, sta parlando e comunicando con loro molto più spesso di te e sta offrendo ben più dell’unica o doppia opzione di acquisto che proponi tu in maniera assolutamente noiosa.

Il tuo concorrente ha capito molto bene che, se rimane sveglio, non ci sono limiti a quanto i suoi clienti presenti e passati possano comprare da lui!

Quindi continua a comunicare e testa e ri-testa i suoi messaggi, le sue offerte, i suoi annunci e i suoi script di vendita.

Non ha paura di nulla, né di testare nulla in maniera intelligente. Non si affida solo alla noiosa web-agency con il suo piano “Facebook Ads per tutti”.

Lavora, invece, con YouTube, Google e siti di nicchia. 

Usa la carta con lettere di vendita, newsletter, cartoline, magazine. Si espone con annunci sulle pagine dei quotidiani in target, prepara pacchi e ogni media che sia sensato in termini di costi per raggiungere i propri clienti esistenti e potenziali.

E soprattutto, ha fatto una cosa che ti spazzerà via dalla faccia della Terra.

Qualcosa che voglio che tu faccia proprio ora…

Calcolare quanto vale per te un acquirente nel periodo totale di vita come tuo cliente: il profitto aggregato totale che il tuo cliente genera per te finché rimane tuo cliente, meno le spese di marketing e di costo del prodotto o servizio venduto.

Se non hai mai calcolato questi numeri, è assolutamente prioritario che tu lo faccia subito. Se non sai come farlo e navighi in alto mare, fatti aiutare da un bravo amministrativo o chiedi un appuntamento al tuo commercialista.

Ma agisci ora.

Per aiutarti, questo esercizio è noto come “l’individuazione del margine totale medio per cliente”. Un modo tecnico e apparentemente noioso di chiamare un’informazione dietro la quale si nasconde la vera miniera d’oro della tua azienda.

Rimarrai sconvolto quando scoprirai quanto vale realmente un cliente per te. In alcuni casi in positivo, in altri in negativo.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Considera questo esempio ipotetico:

Un nuovo cliente medio che entra dalla porta ti genera un profitto medio di 75€ la prima volta, e riacquista altre tre volte in un anno per un ri-ordine medio di 300€ di profitto.

​Con questo ritmo, solo il primo anno il cliente vale già 975€ per l'azienda. Se considerassimo un tempo di vita del cliente di due anni basandoci su 4 acquisti annui, il valore sarebbe 2175€. Se il tempo di permanenza come cliente fossero 3 anni prima di andarsene, il valore sarebbe 3375€.

E ricorda, stiamo parlando solo dei già clienti, quelli che sono già dentro al tuo database, al tuo gestionale, nella tua mailing list e di cui conosci i numeri. Numeri che, però, non sono ancora stati “dopati” dai principi di cui ti sto mettendo a conoscenza in questo momento.

La totale maggioranza degli imprenditori, artigiani, piccoli o grandi che siano, stabilisce un “budget” per il marketing. Ma non c’è nessuna base numerica reale dietro quella decisione.

Una frase tipo: “Spenderemo il 5% del fatturato in marketing, o 20.000€ al mese, o a trimestre, o all’anno…” non ha senso. È campata per aria e basata sul nulla.

Oppure: “Darò ai miei commerciali 2.000€ di fisso al mese e un 3% di provvigioni sul venduto”, è la stessa cosa.

Non c’è nessuna ragione reale dietro a quei numeri.

Nel momento in cui capirai che puoi permetterti di spendere per acquisire un cliente sulla base di quanto un cliente vale realmente per te nel primo anno e negli anni successivi… allora la smetterai di spendere soldi, non solo in maniera insensata, ma soprattutto in marketing che non funziona e inizierai a investire solo nei risultati generati.

Il tuo fattore di spreco di denaro e risorse precipiterà di oltre il 90%!

Quando saprai quantificare precisamente il margine netto totale per cliente, allora dovrai iniziare a impostare tutto il tuo business su quei dati.

Se sai che un cliente vale per te in totale 975€ — e ad esempio le campagne per portartelo ti sono costate 30€ — allora significa che ogni 30€ che spendi valgono 975€.

Se ogni 30€ che spendi si trasformano in 975€, significa che ogni 1.000€ che spendi in marketing si trasformeranno in ben 32.500€!

“11 nuovi clienti acquisiti senza spese folli”

“Ho aspettato a scrivere qualcosa perché sono scettico di natura. Ma arriva il giorno in cui non resisti perché accade quella cosa che non riesci a tenere solo per te. A me è capitata ieri: 11 nuovi clienti acquisiti senza spese folli. Calcolando che il lifetime value di ognuno è di circa 800 euro e che ne ho spesi meno di 100, potete fare voi i conti. Ho applicato solo pochissime delle regole che Frank insegna nel Circolo o negli eventi dal vivo. Non oso immaginare quando applicherò qualcos'altro. Intanto mi diverto e guadagno, e già così non è male. Buon lavoro merendiani!”

VIGLIANO DE CUPIS

Medical Sangallo

Anziché investire nel mattone ammuffito, in azioni, obbligazioni o fondi pensione, se vuoi diventare davvero ricco, dovresti imparare a fare l’imprenditore e investire nella maniera corretta in marketing.

Non esiste nessuna attività al mondo che generi un ROI maggiore degli investimenti in marketing, se fatti seguendo i principi che ti sto insegnando.

Ragionando per assurdo, potresti permetterti di spendere 975€ per acquisire un cliente e andare comunque a pareggio con i costi. Detto in maniera diversa, potresti spendere 974€ per acquisire un cliente e comunque essere in profitto di 1€.

Ovviamente è un esempio esagerato e insensato, perché dovresti essere in un settore in cui riesci a vendere a migliaia di clienti per sostenere i costi fissi della tua azienda con margini così bassi, ma in molti settori dominati da mega-corporation con bassa marginalità, le cose funzionano proprio così.

Ma permettimi di farti un altro esempio che mi ha colpito molto.

Una volta Jay mi ha parlato di un suo cliente che è passato velocemente da 1 milione a 5 milioni in termini di vendite

Come ha fatto a realizzare un risultato così eclatante da sembrare impossibile?




Semplice: prima di allora non aveva MAI calcolato “quanto potesse spendere” in marketing per acquisire un singolo cliente.

Quando Jay lo spinse a farlo — dopo aver analizzato cosa un cliente valesse davvero per lui, non solo dopo la prima vendita, ma nel totale del ciclo di vita come acquirente presso la sua azienda — questo imprenditore capì che poteva permettersi di spendere il triplo di quanto stesse facendo per ottenere un cliente pagante.

Appena realizzò questo dato, triplicò immediatamente il suo budget per acquisizione clienti. Ed ecco come il suo fatturato spiccò il volo dal famoso milione iniziale verso i cinque milioni successivi.

C’è una differenza enorme tra “budget in marketing” e “budget per acquisizione cliente”. È una differenza in termini di mentalità tra spendere genericamente per “farsi conoscere” e “farsi pubblicità” e “spendere tutto quanto sia possibile per acquisire un cliente pagante”.

Detto in maniera diversa, se tutti i tuoi concorrenti pensano che investire per acquisire clienti sia impossibile, o non sanno proprio come si faccia, o pensano al massimo che la pubblicità sia “quella roba per farsi conoscere” o qualche snob milanese gli ha parlato di scemenze come la “brand awareness”… allora puoi distruggere chiunque tra i tuoi concorrenti. Ma solo se sai come calcolare il costo per acquisizione cliente basato sulla proporzione tra:


  • numero di clienti;
  • margine netto per cliente;
  • costi fissi da coprire;
  • flusso di cassa reale che hai a disposizione in un dato momento.

Detto in termini ancora più semplici: quando sai che per te è profittevole comprare un cliente sempre — basta che costi meno di XX€ — finché acquisti clienti sotto quella cifra, puoi continuare a investire in marketing a volontà.

Puoi continuare a investire quando gli altri smettono di fare Ads, annunci ecc. perché “pensano” di aver finito il budget.

Puoi permetterti di sovraspenderli online e di schiacciare i loro annunci verso il basso o di impedire addirittura che compaiano.

Potrai permetterti di investire su media che non sono accessibili ai tuoi concorrenti perché non sanno come trarne profitto. Tutto questo perché sai esattamente cosa è fattibile per te e cosa no, basandoti su dati reali, mentre i concorrenti vanno blandamente a naso e non sanno dove sbattere la testa.

In realtà, il mio scopo è insegnarti a spendere meno per acquisire ogni cliente. Ma quindi, perché ora sto cercando di spingerti a spendere di più?

La risposta è che questo è il modo più rapido e lucrativo di trovare nuovi clienti, soprattutto se stai iniziando ora la tua attività o hai un’attività da tempo, ma sei “nelle secche” da mesi o magari anni.

Dopo un po’ che avrai avviato la macchina, potrai iniziare a tagliare i tuoi costi di acquisizione clienti, ma ci vorranno alcuni mesi di campagne fatte in questa maniera “aggressiva”.

Quindi, se non hai mai calcolato il tuo margine netto totale per cliente, fallo immediatamente seguendo questi passi:

  • 1
    Step 1: calcola la tua vendita, fattura, scontrino medio e ricavane il margine netto medio per cliente.
  • 2
    Step 2: calcola quanto ogni cliente vale per te come profitto addizionale, determinando quante volte in media tornerà per riacquistare. Sii conservativo e prudente.
  • 3
    Step 3: computa esattamente quanto ti costa acquisire un cliente dividendo il tuo budget di marketing attuale per i clienti che produce.
  • 4
    Step 4: calcola alla stessa maniera il costo di un potenziale cliente prodotto dal marketing.
  • 5
    Step 5: calcola quanti potenziali clienti ti servono per realizzare un cliente pagante (ti aiuta a capire l’efficacia del tuo sistema di vendita).
  • 6
    Step 6: calcola il valore marginale totale del cliente sottraendo:


    - i costi di marketing;
    - i costi di vendita (provvigioni);
    - i costi del prodotto o del servizio venduto.

Il miglior “ordine” che io abbia mai ricevuto nella mia vita da uno dei miei mentori? Quando Jay mi “obbligò” a sforzarmi di capire come generare più vendite con i clienti che già avevo.

Devi offrire alle persone che hanno già dimostrato di fidarsi di te e di apprezzarti la possibilità di comprare ulteriori prodotti o servizi da te, con più fasce di prezzo, con maggiori combinazioni, con maggiori offerte, con maggiori vantaggi, con maggiori servizi e bonus esclusivi.


Ricordati la formula utilizzata dai migliori negozi e dalle migliori catene nel periodo natalizio:


“Possiamo venderti il regalo così com’è. Oppure possiamo incartartelo, spedirlo per te e una volta che il corriere lo avrà consegnato, chiamare il destinatario per accertarci che il pacco sia arrivato integro e perfetto.
E infine, chiamarti per farti sapere che è tutto ok e che il cliente finale è contento.”

Una vendita può facilmente essere “aumentata” con un upselling (vendere una versione di fascia più alta) o un cross-selling (vendere altro, correlato o scorrelato), semplicemente suggerendo qualcosa di affine.

Una racchetta da tennis, con magliette o scarpe da tennis. La fornitura di carta per un anno, con l’acquisto o il noleggio di una fotocopiatrice. Una visita bi-annuale di manutenzione/prevenzione, per ogni tipo di servizio tecnico negli edifici a uso residenziale o commerciale.

Oppure, puoi proporre al cliente fedele la versione più costosa di un prodotto o servizio allo stesso prezzo di quello che sta già utilizzando. Ha una settimana di tempo per provarla e, se non è convinto, può restituirtela senza problemi oppure decidere di tenerla e saldarti la differenza.

Le opportunità per aggiunte e up-selling sono infinite e incredibilmente profittevoli.

E possono portare qualunque attività a una crescita esponenziale.

Principio Immutabile Numero 1 - Non impedire ai tuoi clienti di comprare:

  • aumenta la frequenza e i volumi di acquisto dei tuoi clienti;
  • sfrutta i tuoi vecchi clienti per “spremerli” il più possibile, facendoti passare referral, cioè conoscenti, parenti, colleghi o amici che possono essere interessati a ciò che vendi;
  • continua a comunicare e testa e ri-testa i tuoi messaggi, le tue offerte, i tuoi annunci e i tuoi script di vendita;
  • calcola quanto vale per te un acquirente nel periodo totale di vita come tuo cliente; 
  • scopri quanto puoi spendere in marketing per acquisire un nuovo cliente.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 2:

Usa la potenza dei test di marketing per massimizzare i tuoi risultati di vendita

Una delle mie case si trova in California a Marina Del Rey. E uno dei motivi per i quali ho scelto quella location è che si trova a 15 minuti d’auto da Redondo Beach, dove abita Jay.

Ricordo come fosse ieri quando ci incontrammo a casa sua per una consulenza privata e io ero un baldo giovanotto molto sicuro di me e convinto di essere un mezzo fenomeno.

Ricordo ancora meglio come Jay mi fece nero per la mia assoluta noncuranza nei confronti di quanto in realtà sia importante testare i materiali di marketing.

Detto in maniera più semplice, ero convinto di essere molto bravo sia nel marketing che nel copy, e quindi credevo che un mio pezzo “dovesse andare bene per forza”.

Con paternale affetto, invece, Jay mi fece capire quanto essere bravo oltre una certa soglia non significhi nulla, se rimane sulla carta. Perché “essere bravo” nel marketing NON significa “sapere le cose”.

Essere bravo nel marketing significa: 


“Fare più soldi di ieri, meno di domani, ma sempre più dei tuoi concorrenti. 
Soprattutto se li reputi meno bravi di te.”

Jay mi disse che lui non si considerava affatto bravo. E questo mi lasciò di stucco.
Mi disse che, da sempre, si limitava a testare quello che scriveva o produceva. E che ciò che puoi imparare dal testare e ri-testare cose apparentemente insignificanti, come una headline o titolo di un pezzo di marketing, può avere effetti di magnitudo impressionante sui tuoi risultati.

Jay mi raccontò di quel pezzo che scrisse per un suo cliente che vendeva monete rare su “The Wall Street Journal”. Cambiare semplicemente una singola parola nel titolo scatenò un salto per quel cliente da 50.000$ in vendita a 250.000$!

“Jay ha generato per me tra i 25 e i 30 milioni di dollari”

“Sono un commerciante di monete rare. Ho pagato Jay negli ultimi 5 anni approssimativamente mezzo milione di dollari, e lui ha generato per me tra i 25 e i 30 milioni di dollari per il mio business. Le sue tecniche funzionano decisamente.”

DAVID HALL

David Hall’s Numismatic Investment Group

Da quel giorno, non ho mai smesso di testare e di insegnare a tutti i miei ragazzi, nei reparti marketing, copy e automazione in azienda, l’importanza di testare.

Sono tornato umile di colpo.

“Jay Abraham è un genio adorabile, eccentrico e non-ortodosso”

“Io sono un marketer abbastanza bravo. Ma per quanto sia bravo nel marketing, Jay Abraham lo è di più. Il suo lavoro per gli altri è stato estremamente profittevole, e io ho deciso di conoscerlo. Finalmente ero obbligato ad arrendermi all’evidenza che Jay Abraham è un genio adorabile, eccentrico e non-ortodosso. È una di quelle persone che si incontrano una volta nella vita. Quando l’ho accettato, mi ha fatto fare milioni.”

HOWARD RUFF

The Ruff Time

E voglio che anche tu adotti lo stesso tipo di mentalità: non smettere mai di cercare di migliorare la risposta dei clienti. È il TUO denaro che stai spendendo e un annuncio che paghi 1.000€ su una rivista fa un’enorme differenza se ti porta 10 clienti o se te ne porta 100.

Vale il medesimo discorso online. Non permettere a una web agency di spendere il tuo denaro con annunci “fissi”. Pretendi, invece, che ti mostrino costantemente la copia modificata contro la quale stanno testando ogni annuncio e pretendi parimenti che questi test siano svolti continuamente.

Piccolo segreto: non lo fa nessuno. Se tu lo farai e/o obbligherai i tuoi fornitori a farlo per te, ti garantirai un vantaggio incredibile rispetto a tutti i tuoi concorrenti.

Se pubblichi due annunci diversi online o su un quotidiano, o se invii due salesletter o due cartoline differenti a due liste omogenee di clienti e ottieni risultati diversi, cerca di capire perché un pezzo performa meglio dell’altro.

Che azione spingono a compiere i due annunci? La medesima? Scritta esattamente nella stessa maniera, con le stesse parole, stesso font e stessa dimensione? Nella stessa posizione?

Che parole sono state usate nel titolo? Che immagine è stata usata?

L’offerta è identica o è differente?

Un’altra cosa ancora: una volta che la tua analisi ti ha mostrato quale offerta, titolo e copy in generale funzionano meglio, utilizzali e ripeti il processo per vedere se puoi migliorarli.

Ci sei? Perfetto.

Testa e ri-testa, qualunque media online o fisico tu stia utilizzando per raggiungere i tuoi clienti

Il miglioramento continuo dei tuoi pezzi di marketing è uno dei modi più veloci ed efficaci per ottenere più risultati a una frazione del costo iniziale.

Devi uscire dalle scemenze tipiche di chi non capisce i principi del marketing ma cerca sempre la novità, la bacchetta magica, lo strumento segreto che funzioni più degli altri.

Non mi interessa se mandi i tuoi materiali con i piccioni viaggiatori, se stampi lettere su carta pergamena o se provi campagne su:


  • Snapchat;
  • Instagram;
  • Tik Tok;
  • o chissà quale altra diavoleria moderna andrà “di moda” mentre leggi queste parole.

Va bene tutto. Sii agnostico. Testa. Tieni ciò che funziona e scarta il superfluo. Fine della fiera.

Dopo aver scelto i media più adatti a te — comparando semplicemente le variabili in ogni annuncio, lettera di vendita, offerta promozionale ecc. — migliorerai l’efficacia di ogni euro investito in marketing e migliorerai i tuoi margini e i tuoi profitti.

Diminuirai sensibilmente anche i tuoi costi di vendita!

Ricordati, quindi, di testare un prezzo contro un altro (o meglio due o tre prezzi). O aggiungi una garanzia e osserva come cambiano i risultati di un’offerta con garanzia rispetto ai risultati di un’offerta senza garanzia.

Testa un media contro un altro. Lo stesso annuncio rende meglio su un quotidiano o su un altro quotidiano? Su un magazine o su un altro?
Meglio sul quotidiano o sul magazine?

Se lavori con gli annunci — sia offline sia online nel circuito display — testa una dimensione contro un’altra.

In alcuni casi, raddoppiare le dimensioni moltiplicherà i risultati in maniera incredibile a fronte di una spesa di poco maggiore.

Altre volte, i risultati non cambieranno e quindi non varrà la pena di spendere di più per dimensioni maggiori.

Ci sono molti fattori nel mix totale che compone il tuo piano di marketing.

Ogni singolo componente che sei in grado di individuare e di isolare andrebbe testato attraverso varianti e incrocio dei dati.

Inoltre, è importante testare il “giusto” prezzo. Senza farsi bloccare da stupidi pregiudizi tipici della persona completamente ignorante di marketing come: “Nel mio settore questo è il prezzo medio richiesto. Non posso chiedere di più o nessuno comprerà!”

Cazzate.


Prezzi differenti per prodotti identici a volte si superano l’un l’altro in modi spesso inspiegabili.

E non sto parlando di sciocchezze come mettere il 9 finale per difetto anziché il decimale pieno, e nemmeno di usare il 7 anziché il 9 o espedienti su questa falsariga.

Ho visto 295€ distruggere 195€ in alcune offerte (cioè il prezzo più alto per lo stesso prodotto vince), così come 19€ surclassare 25€ del 300%.

Sinceramente non so perché accada. Non vi è nessuna scienza esatta o ripetibile al riguardo, per quanto qualcuno affermi il contrario. Lo stesso Jay Abraham mi ha confermato che non esiste una regola standard. Per questo motivo, lui è il primo a incoraggiare a testare e ri-testare i prezzi.

Rimarrai sconvolto dalla differenza in profitti e ordini totali o appuntamenti fissati che un tipo di prezzo può produrre rispetto a un altro

Non cercare di fare il “guru” del marketing. Non lo faccio io. E non lo fa nemmeno Jay. Lascia che sia il mercato a dirti il prezzo corretto.

Non cercare di “tirare a indovinare” e basta basandoti su tue supposizioni infondate, perché ti costerà sicuramente una montagna di denaro lasciata sul piatto.

Principio Immutabile Numero 2 - Usa la potenza dei test di marketing per massimizzare i tuoi risultati di vendita:

  • non smettere mai di migliorare la risposta dei clienti;
  • cerca di capire perché un pezzo performa meglio di un altro;
  • testa e ri-testa, qualunque media online o fisico tu stia utilizzando per raggiungere i tuoi clienti;
  • sperimenta e valuta quale prezzo funziona meglio sul tuo target.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 3:

Costruisci prima il posizionamento e poi l’azienda (e il piano marketing)

Che cosa ti mette su un piano completamente diverso rispetto a qualunque azienda, pratica, business, studio o negozio nel tuo stesso settore?

E andando in maniera ancora più semplice e diretta, che cos’è veramente unico riguardo alla tua azienda? Qual è quella cosa particolare e speciale che i clienti desiderano tanto e che non sia già riconosciuta dai clienti come una qualità o un attributo posseduto da un tuo concorrente?


  • La durevolezza del tuo prodotto?
  • Apertura a orario continuato?
  • Servizio post vendita impeccabile?
  • Oppure sei il primo nella tua categoria?
  • Vanti la tradizione più antica?
  • Sei il più innovativo?
  • Usi materiali e materie prime più pregiate?
  • Offri un prodotto o servizio fai-da-te in modo da avere il prezzo più basso di tutti?
  • Consegni a domicilio in 30 minuti o è gratis?
  • Offri un servizio “all inclusive” e per questo il tuo prezzo è più alto rispetto ai concorrenti?
  • Sei un “all you can eat” nel tuo settore?
  • Ecc.

Qualunque sia la specialità che ti rende unico rispetto alla concorrenza, noi la chiamiamo Posizionamento di Marca o Brand Positioning e dovrebbe essere al centro di ogni tua azione di marketing.

In maniera ancora più sintetica, ogni tua azione di marketing dovrebbe ribadire proprio questo messaggio in maniera forte:

“Perché le persone dovrebbero comprare da TE invece che da uno qualunque dei tuoi concorrenti, e soprattutto, perché dovrebbero farlo ORA, anziché rimanere con il problema irrisolto o il desiderio insoddisfatto, o peggio ancora, rimandare la decisione.”

Il numero delle possibilità che hai per rendere il tuo prodotto o il tuo servizio unico è virtualmente infinito, finché ti assicuri di NON cercare di possedere una caratteristica o un attributo che è già associato a un tuo concorrente nella testa dei tuoi clienti.

Il segreto non è ignorare la concorrenza, né guardarla per copiarla.
Il vero segreto è guardare alla concorrenza per avere la sicurezza di essere completamente diversi!

Diverso, non migliore. Questo è il punto.

Inoltre, è fondamentale che la promessa fatta dal tuo posizionamento sia qualcosa di reale e che la tua azienda sia in grado di soddisfare — o che comunque possa organizzarsi per soddisfare — anche a fronte di un investimento o riorganizzazione interna.

Per esempio: non promettere un servizio di consegna rapida, se non sei completamente sicuro di poter offrire un servizio rapido. (Questa è la promessa, ad esempio, che ha reso grandi FedEx e Domino’s Pizza).

Non promettere un’ampia gamma di prodotti, se hai poche scelte. Se non sei un OBI, un BRICO Center o un supermercato in generale, focalizzati solo su un target molto specifico di clientela per servirla con prodotti di nicchia che non si trovano altrove o che si trovano con molta difficoltà.

Quello che sto cercando di spiegarti è che l’atteggiamento “italiano” del tipo “Intanto promettigli mari e monti, poi quando ha pagato vediamo come fare” NON è un buon modo di fare business.

I clienti sono e saranno sempre più esigenti. Anche se non protestano apertamente o non si lamentano.

“Abbiamo chiuso ad un +53%”

“Vorrei dare due numeri concreti che magari possono servire a chi nutre qualche dubbio nell’affidarsi ai concetti che Frank condivide con i suoi studenti.

Tra la Mastermind con Frank, grafici, architetti e visual avevo speso prima della stagione quasi quanto incassano alcuni miei colleghi in un anno o quasi.

E ancora mancavano i soldi per poi mettere in campo i materiali di marketing e i negozi.

Inoltre ero per tutti un folle perché con Tasta, il brand che Frank ha deciso di stravolgere, eravamo molto conosciuti.

Siamo andati lunghi coi tempi, e alla fine siamo riusciti a rifare solo un esterno prima di agosto, quello di Marzamemi.

Andavamo, già bene, eravamo in crescita rispetto allo scorso anno, di quasi un 20%.

Dopo il restyling degli esterni abbiamo chiuso ad un +53%.
+53% in un negozio che andava già fortissimo.
+53% che, di solo incremento, vale in termini di incasso 10 volte il costo della Mastermind con Frank.

Dubbi?”

GIUSEPPE FLAMINGO

Don Peppinu - Gelato originale siciliano n.1 in Italia

Ai clienti non interessa se hai terminato il prodotto X o se non puoi consegnare martedì come promesso perché “Gianni che guida il furgone è ammalato”.

Ai clienti non interessa nulla delle tue scuse o dei tuoi problemi. Non è compito del cliente essere comprensivo nei tuoi confronti. Non è un tuo amico che deve “capirti” o “avere pazienza”. È uno sconosciuto che paga e, quindi, pretende.

Se deludi i clienti silenziosi — quelli che non ti dicono mai nulla né si lamentano apertamente (almeno di fronte a te) — questi si limiteranno a portare i loro soldi da un’altra parte e a metterti un’orrenda recensione online su Google, Booking, sui loro profili social, sui loro siti e blog, su TripAdvisor e tutti i siti simili.

E credimi, non vuoi che questa cosa capiti proprio a te. E nemmeno io voglio che ti succeda.

Se hai bisogno di un piccolo e rapido aiuto per iniziare a pensare al tuo posizionamento, prova questo piccolo esercizio.

Prendi un foglio e scrivi questa frase:

“Nel mio settore tutti fanno le cose in questo modo __________________. Ma quello che facciamo noi è diverso perché noi _______________________”.

Oppure, se vuoi essere ancora più specifico, puoi sforzarti di completare questa formula:

“Nel mio settore, l’azienda più grande/famosa/antica ecc. fa le cose in questo modo ________________. La seconda azienda più grande/famosa/antica si differenzia dal leader di mercato perché __________________. A differenza di entrambi, noi sappiamo che i nostri clienti hanno bisogno di _______________________ e siamo gli unici a farlo esattamente in questo modo.”

Come gli spazi bianchi suggeriscono, voglio che tu scriva ciò che ti rende davvero diverso dalla concorrenza. Ciò che tu fai e che gli altri non vogliono, non sanno o non possono fare.

Questo è il tuo posizionamento. L’importante è riconoscerlo il più velocemente possibile e usarlo in TUTTE le tue campagne di marketing per disintegrare la concorrenza!

Principio Immutabile Numero 3 - Costruisci prima il posizionamento e poi l’azienda (e il piano marketing):

  • individua cos’è veramente unico riguardo alla tua azienda;
  • non ignorare la concorrenza e non guardarla per copiarla. Osserva la concorrenza per avere la sicurezza di essere completamente diverso;
  • focalizzati solo su un target molto specifico di clientela per servirla con prodotti di nicchia.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 4:

Inverti il rischio per mettere il turbo alle tue vendite

Invertire il rischio offrendo al potenziale cliente una solida garanzia di soddisfazione su qualsiasi cosa compri da te è un modo straordinario per superare l’indecisione e il “blocco del compratore”.

E nonostante questa verità incontestabile, un numero incredibile di piccole, micro, medie — ma anche grandi — imprese si rifiuta di fornire una garanzia totale o anche solo parziale ai propri clienti.

Tuttavia, questo è sintomo di miopia, avidità e persino di quello stupido orgoglio che fa esclamare : “Poi c’è chi se ne approfitta, ma a me non mi fregano mica!”

Ma soprattutto, è terribilmente ingiusto nei confronti dei clienti. Vedila anche in questo modo: se un imprenditore o un professionista non credono abbastanza in ciò che vendono da metterci la propria faccia e garantirlo, perché mai un cliente dovrebbe fidarsi e comprare qualcosa da loro?

Perché dovrebbero uscire dalla loro zona di comfort? Perché dovrebbero abbandonare il loro fornitore, negozio, bar, ristorante, idraulico, commercialista, avvocato ecc. abituale (a meno che costoro non lo abbiano fatto incaXXare come una pantera), assumendosi tutto il rischio che questo cambio comporta?

Hai mai notato che la maggioranza assoluta di persone che reputi “clienti” non sono esattamente “vergini”, ma nella media prima erano “clienti di qualcun altro”?

Sei proprio sicuro di non volere un vantaggio sleale su tutti i tuoi concorrenti semplicemente sforzandoti di creare una forma di garanzia che attiri a te più clienti possibile rimuovendo quella paura di sbagliare, di non essere soddisfatti e di rimanere fregati?

Sollevando il rischio dalle spalle del cliente e assumendolo TU come imprenditore e come vero e proprio “rischio di impresa”, un numero molto maggiore di clienti uscirebbe dal guscio nel quale si nasconde e si protegge, per approfittare delle tue offerte!


Non ti costa nulla!

Il numero di persone che chiede un rimborso, una sostituzione o altro è infinitamente inferiore ai clienti che comprerebbero da te, ma che non lo fanno perché non si azzardano a “provarti”.​​​​​

Dai modo alle persone di provarti.

Non hai nulla da perdere. Al massimo, se la tua garanzia ti porta troppe richieste di resi, sostituzioni, rimborsi ecc., potrai sempre diminuirla e renderla vincolata o parziale (oltre a farti delle domande intelligenti sul perché la gente non è soddisfatta del tuo prodotto o servizio… aspetto che magari è il vero punto centrale della questione e non la mentalità stupida secondo cui la gente “se ne approfitta”).

Oppure potrai sempre tornare indietro dalla mattina alla sera e togliere quella garanzia. Ma la verità è che io non conosco nessuno tra i miei studenti — né Jay ha mai conosciuto nessuno in oltre 40 anni di carriera — che abbia seguito questo consiglio e poi sia tornato indietro perché “la gente se ne approfitta e non mi conviene”.

Se la gente se ne approfitta, le alternative sono solo 2 e non si scappa:


  • il tuo prodotto o servizio è scadente;
  • stai facendo marketing al target sbagliato.

In realtà, quindi, l’utilizzo di una garanzia ti dà modo di superare la concorrenza in ogni caso, perché ti aiuta a ricevere feedback sulla tua azienda. Sia su come lavori e su come sono i tuoi prodotti o servizi, sia su quanto siano indirizzate bene le tue campagne di marketing verso il giusto pubblico.

Quando le aziende, gli artigiani, i negozianti, gli autonomi e i liberi professionisti usano l’inversione del rischio, è frequente vedere le loro vendite duplicare o triplicare.

Qualche cliente nel mucchio approfitterà della possibilità offerta dalla garanzia — è ovvio — ma i numerosi clienti in più che compreranno da te renderanno il mal di testa del “rimborso” un piccolo fastidio molto ben sopportabile.

In realtà, non ti ho ancora svelato un segreto.

Quando ricevi richieste di rimborso, sostituzione o altro previsto dalla tua garanzia, non è raro riuscire a trasformarle comunque in profitti.

Ti suona strano o sei scettico riguardo a quello che ho appena detto?

Lascia che ti racconti questa storia.

Una volta Jay mi ha riferito che un suo cliente vendeva un prodotto di qualità pessima (e per questo motivo terremo riservato il nome).

Il prodotto era così scadente che le richieste di rimborso erano praticamente uguali al numero di vendite! Un disastro!

Riconoscendo l’accaduto e la gravità della situazione, Jay scrisse una lettera a tutti i clienti che avevano acquistato, scusandosi in maniera incondizionata per la bassa qualità del prodotto e offrendo a ognuno di loro la possibilità di acquistare un altro prodotto — simile o differente — di qualità superiore dal loro catalogo, a un prezzo ridicolmente basso rispetto al prezzo al pubblico.

Invitò i clienti a chiamare in ufficio e dire quale prodotto o prodotti volessero.

I clienti vennero rassicurati che i prodotti sarebbero stati spediti immediatamente con corriere super-espresso e che il loro saldo sarebbe stato aggiustato di conseguenza, rimborsando la differenza, chiedendo il saldo della differenza superiore alla consegna o attraverso la possibilità di prelevare dalla carta di credito precedentemente registrata nel sistema.


I clienti li adorarono.


Jay riuscì a convincerli a dimenticare l’orribile acquisto e a prendere un prodotto di vera qualità che volevano seriamente.

Tutti, compreso il cliente di Jay, uscirono da quella impresa come vincitori.

Ecco alcuni esempi di inversione del rischio.

Una garanzia standard, a parte quelle di legge previste nei singoli stati, è quella di offrire un rimborso se il prodotto viene restituito entro 30 giorni.

Una garanzia ancora più forte è quella di lasciar provare il prodotto o servizio per 30 giorni e mandare fattura, prelevare dalla carta (a seconda di quanto è evoluto tecnologicamente il tuo gestionale e il tuo carrello di pagamento connesso al merchant) o in generale farsi pagare soltanto se, dopo 30 giorni, il cliente è contento e vuole continuare con il servizio o tenersi il prodotto.

Ancora più forte è la garanzia “Paga solo se se è un affare. Il cliente paga solo se il tuo prodotto o servizio gli fornisce un valore che è un multiplo (reale o percepito) di quanto ha pagato.

Una garanzia ancora più forte è quella che ho creato, ad esempio, per un mio studente, Claudio Caolino di Pinkaolin che vende una speciale vernice bianca e usa come garanzia: “Se non sei soddisfatto del risultato come promesso, restituiscici la latta entro 30 giorni, ANCHE VUOTA, e ti restituiamo il denaro o te la sostituiamo con una latta della concorrenza a tua scelta.”

Non male no? Vuoi sapere il bello?


Nelle navi di latte vendute da Claudio in questi anni, al momento non ho notizie di nemmeno un cliente che abbia usato quella generosa garanzia!

Ma nel caso ti sentissi ancora dubbioso o a disagio nell’offrire ai clienti una garanzia, vedila anche in maniera differente facendoti questa domanda:

“Quanti clienti, pazienti o studenti mi hanno manifestato insoddisfazione verso il mio prodotto o servizio nell’ultima settimana? 
Nell’ultimo mese? In un anno?”

Se ciò che vendi è di qualità elevata, i numeri dovrebbero essere molto bassi, quasi zero. Quindi se i tuoi clienti sono generalmente soddisfatti, non hai praticamente nulla da temere.

Se i tuoi clienti NON sono soddisfatti, invece, beh… allora non è la garanzia il problema, bensì ciò che vendi o peggio ancora “come” vendi ai clienti. E ti invito a porvi rimedio aumentando la qualità dell’erogato nel minor tempo possibile.

Ciò detto, sforzati di offrire una garanzia che faccia sentire al sicuro i tuoi clienti.

Per esempio: “Se incontri qualunque problema con i nostri prodotti, un nostro tecnico verrà a casa tua/nel tuo ufficio entro 24h con riparazione e chiamata completamente a nostro carico”.

Usa la garanzia più forte che senti di poter promettere e rispettare, e usala come un potente martello nel tuo marketing, ancora e ancora.

Principio Immutabile Numero 4 - ​Inverti il rischio per mettere il turbo alle tue vendite:

  • dai alle persone la possibilità di provarti senza rischio;
  • crea una forma di garanzia che attiri a te più clienti possibile rimuovendo la paura di sbagliare, di non essere soddisfatti e di rimanere fregati;
  • testa la garanzia più forte che ti senti in grado di rispettare.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 5:

Prendi in prestito strategie vincenti da altri settori

Anche se il titolo dice “prendi in prestito”, sarebbe il caso di rinominare questo principio chiamandolo “emulazione creativa”. In sintesi, stiamo parlando della vera e propria arte di studiare e osservare ogni genere di tecnica di successo per acquisire clienti che viene utilizzata fuori dal tuo settore, non dentro.

Se fai marketing usando gli stessi strumenti della concorrenza, sugli stessi canali, negli stessi modi, con lo stesso catalogo, la stessa brochure ma anche con gli stessi Ads “all’americana” su Facebook, con lo stesso copy “auanasghein persuasciòn”, finirai per fallire nel cercare di ottenere risultati straordinari.

A fronte di una spesa ingente in marketing, potrai ottenere al massimo lievi incrementi nei tuoi numeri, ma nulla di esponenziale o rivoluzionario.

Il segreto del marketing è guardare ai modi in cui si fa marketing nel tuo settore per assicurarti di NON COPIARE gli altri, non usare i loro strumenti, non proporti sugli stessi canali nella stessa maniera e non usare lo stesso linguaggio.

La frase: “Ma nel mio settore le cose si fanno da sempre così…” è doppiamente stupida.

Non solo perché indica una bassa qualità di visione imprenditoriale, mentre rivela una natura da timoroso copione anche troppo conservativo, ma anche perché “come si fanno le cose nel tuo settore” è proprio ciò che vuoi evitare di emulare come se fosse un brutto male.

Tu, al contrario dei mediocri che popolano il tuo settore, vuoi guardare al tuo settore per fare qualcosa di diverso. E vuoi guardare fuori dal tuo settore per emulare creativamente quello che si fa altrove, adattarlo e usarlo per primo nel tuo business in modo da guadagnare un vantaggio competitivo.

“Come sono passato da ROI 0% A 20% e da ROE 0 a 40%”

“Come sono passato da:


  • ROI 0% a 20%
  • ROE 0% a 40%
  • 2013 primo corso con Frank. (Conclusioni: l’americanata spiegata da uno sbruffone)
  • 2014 rifrequentavo il corso. (Conclusioni: il mio settore è differente)
  • 2015 rifrequentavo il corso. (Conclusioni: proviamo ad applicare qualche cosa…)
  • 2016 rifrequentavo il corso. (Conclusioni: figa che bello applichiamo di più!)
  • 2017 rifrequentavo il corso. (Conclusioni: non mi chiedo più se per me funziona o no, tu dire io fare!
  • 2018 rifrequentavo il corso. (Conclusioni: quando è il prossimo corso?)
  • PS: nel frattempo il mio prodotto negli anni NON è cambiato!”

MAURIZIO PORTA

CEO Porta Solutions

In sintesi, devi cercare buone idee di business e di marketing fuori dal tuo settore e adattarle portandole all’interno del tuo settore dove sono, invece, inutilizzate e sconosciute.

Tutte le idee rivoluzionarie, che ho insegnato ai miei studenti e che hanno cambiato la loro vita, sono rivoluzionarie non perché io sia un genio, ma perché ho una capacità spiccata e religiosamente allenata di riconoscere un modello che funziona e adattarlo a settori nei quali quelle strategie, tecniche, strumenti e processi non si applicano.

Non esiste nessuna idea, strategia, modello, tecnica che mi abbia portato al successo nel mondo della formazione… e che provenga dal mondo della formazione!

Ogni cosa che ha generato una crescita esponenziale nei miei business viene dalla Disney, dalla gestione dei parchi attrazione, dal Teatro, dal Musical, dalla Stand Up Comedy americana, dal lavoro del Cirque du Soleil, dalla professione del commercialista, dagli abbonamenti enciclopedici De Agostini, dalle raccolte in edicola, da Scuola Radio Elettra… insomma, da tutto tranne che dal mondo della formazione.




Non ho mai frequentato corsi né mi sono mai preoccupato di essere un buon “public speaker”. Non me n’è mai importato nulla. Ho sempre guardato fuori dal mio settore per portare cose nuove, mai viste, innovative, incredibili e straordinarie, che lasciassero a bocca aperta il mio pubblico.

Io non copio nessuno nel mio settore. Sono gli altri che imitano e provano a emulare me.

I follower guardano al leader di settore. Il leader non guarda agli altri del suo settore, mai.

Il leader crea il settore guardando sempre all’esterno di esso.

Quanti cloni o emuli di Tony Robbins hai conosciuto, se hai seguito un po’ la formazione negli ultimi 20 anni? Una marea.

Quanti di questi cloni riempiono i palazzetti come Tony o semplicemente esistono ancora con successo come copia-carbone di quel modello di business? Pochissimi.

Quanti cloni, pretendenti, “vorrei-ma-non-posso” esistono di Frank Merenda? Una marea? Quanti si avvicinano ai miei risultati? Nuovamente, nessuno.

E non è solo legato a un problema di “bravura” tecnica.

È legato a un problema di emulazione del leader che porta vantaggio sempre e solo al leader (anche se nell’emularlo nel modo e nello stile, lo critichi. È quella la trappola nella quale cadono tutti).

I principi di marketing più rivoluzionari che ho scoperto, applicato e che ho fatto applicare ai miei studenti, sono l’adattamento di idee geniali che semplicemente non erano ancora state adattate e messe in pratica per un settore specifico, ma che funzionavano perfettamente altrove.

È stato Jay Abraham all’inizio della mia carriera a obbligarmi gentilmente ad andare in quella direzione. Ed è grazie a lui e ai suoi suggerimenti se ho appreso come applicare il marketing a me stesso prima e ai miei studenti poi.

E ancora oggi, Jay è il G.O.A.T. Il Greatest Of All Time, il più grande di tutti i tempi nel prendere un principio di marketing che funziona e adattarlo in un settore nel quale non viene utilizzato.

Se c’è una cosa che ogni imprenditore dovrebbe fare più e più volte nella vita, è esporsi alla mente geniale di Jay per uscirne cambiato in maniera totale e definitiva.

Almeno, questo è quello che è capitato a me e che auguro e incoraggio a fare a tutti gli imprenditori che mi seguono.

Principio Immutabile Numero 5 - ​​Prendi in prestito strategie vincenti da altri settori:

  • non usare gli stessi strumenti, modi e canali dei tuoi concorrenti;
  • studia e osserva ogni tecnica di successo per fare acquisizione clienti che viene utilizzata fuori dal tuo settore;
  • emulare il leader porta vantaggio sempre e solo al leader.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 6:

Le 7 chiavi magiche per aprire le vendite chiuse col lucchetto

Se c’è una cosa che non mi stancherò mai di ripetere, è che il marketing non esiste senza la vendita e viceversa.

Per essere molto esplicito, da quando ho iniziato a insegnare, dieci anni fa, il marketing è diventato “di moda”, creando tutta una serie di personaggi, ciarlatani, mistificatori e carpitori della fiducia di malcapitati che spingono verso una direzione completamente fallace.

Faccio riferimento esplicito a tutte quelle bufale che girano sul marketing “che funziona da solo”, “col pilota automatico”, “rendita passiva”, che “basta che… e fa tutto lui” ecc. ecc.

"Abbiamo degli incrementi di un 20-25% costanti”

“Mi chiamo Cristiano Bellumat e sono il sales manager di Wildix.
Mi occupo, per l’appunto, dello sviluppo delle strategie e delle vendite della nostra società.
Wildix è la prima società al mondo ad aver sviluppato una soluzione di unified communication e collaboration web-based con protocollo WebRTC integrato.
Come ci racconta sempre Frank, noi rappresentiamo l'evoluzione del centralino telefonico: quel dispositivo che avete tutti quanti sulla scrivania e che vi aiuta a fare un po’ di business. Ecco, con noi noi ne fate molto di più.
Frank lo abbiamo conosciuto nel 2013.
Ci siamo avvicinati a lui perché ne avevamo sentito parlare e avevamo letto qualcosa su internet e su Facebook.
Ci siamo un po’ avvicinati a questo suo modo di agire anche con qualche punto di domanda.
Frank ci ha dato tante informazioni di contenuto specifico che ci hanno aiutato e che abbiamo applicato nel nostro canale e nella nostra rete vendita.
Da lì in avanti, abbiamo ottenuto un incremento delle performance prima di piccole percentuali poi sempre di più. Oggi possiamo dire che abbiamo degli incrementi di un 20-25% costanti.

CRISTIANO BELLUMAT

Sales Manager di Wildix

In realtà il marketing “da solo” non fa niente. O meglio, lo scopo del marketing è quello di portarti dei potenziali clienti pre-motivati e pre-qualificati ad acquistare da te.

Lo scopo della vendita e dei venditori è prendere quei potenziali clienti pre-motivati e pre-qualificati e trasformarli in contratti, vendite e, in generale, incassi.

Quindi, è perfettamente inutile fare campagne di qualsiasi tipo e investire denaro per generare potenziali clienti, se poi non si hanno a disposizione venditori per richiamare, fissare appuntamenti e chiudere la vendita.

“Andastènd?”

Se vuoi i soldi, devi lavorare. Ormai dovresti aver capito che l’albero degli zecchini “che crescono da soli” è una leggenda metropolitana dai tempi del Pinocchio di Carlo Collodi.

Ciò detto, che tu venda al telefono, dal vivo, attraverso la scrittura persuasiva, con appuntamenti uno a uno, in riunioni uno a tanti o anche dal palco di fronte a migliaia di persone, la struttura di un buon pitch di vendita è sempre la stessa.

Per far sì che il tuo messaggio trasformi un potenziale cliente in contratto e incasso di soldi, devi seguire sempre questi sette passaggi.

  • 1
    Primo: di’ qualcosa che ottenga l’attenzione del cliente. Uno studio, una ricerca, una news, una novità, un gossip, un’informazione particolare sul tuo settore, sul tuo prodotto o sul tuo tipo di cliente target.
  • 2
    Secondo: di’ a chi ti guarda, ascolta o legge perché dovrebbe essere interessato a ciò che hai da rivelare.
  • 3
    Terzo: spiegagli perché dovrebbe credere a quello che dici.
  • 4
    Quarto: prova che sia vero.
  • 5
    Quinto: fai una lista di tutti i benefici che il tuo cliente avrà, una volta acquistato il tuo prodotto specifico, anziché comprare prodotti diversi dalla concorrenza o non fare nulla, tenendosi il problema irrisolto o il desiderio irrealizzato.
  • 6
    Sesto: indica chiaramente al tuo cliente come comprare o fare l’ordine.
  • 7
    Settimo: chiedigli di comprare, con convinzione ed entusiasmo.

Ovviamente, se la vendita avviene dal vivo e ha un profilo anche minimamente consulenziale, prima del tuo pitch dovresti assicurarti di fare al cliente tutte quelle domande necessarie per conoscerlo al meglio e offrirgli un prodotto o servizio cucito su misura e il più aderente possibile alle sue esigenze.

Principio Immutabile Numero 6 - ​Le 7 chiavi magiche per aprire le vendite chiuse col lucchetto:

  • lo scopo del marketing è quello di portarti dei potenziali clienti pre-motivati e pre-qualificati ad acquistare da te;
  • lo scopo della vendita e dei venditori è trasformarli in contratti, vendite e, in generale, incassi;
  • segui i 7 passaggi per strutturare ogni tuo pitch di vendita.

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

Principio Immutabile Numero 7:

​Riattiva i clienti persi

In generale, devi sempre ricordarti che ogni cliente della tua azienda è prezioso, anche e soprattutto i clienti persi, fermi o dati per dispersi che non comprano più da tempo.

Continuo a vedere una marea di persone — anche molto in gamba nel loro lavoro — che, però, da imprenditori non riescono a capire quanto sia più facile e meno costoso riattivare un cliente “perso”, rispetto a trovare nuovi clienti.

La media delle richieste per le web agency che si occupano di marketing online è: “Fammi una campagna per trovare nuovi clienti”. Quando la domanda di un imprenditore intelligente, invece, dovrebbe essere: “Voglio una campagna per riattivare i vecchi clienti persi da quando è aperta la mia attività. Ecco la lista.”

Se vuoi evitare di costruire campagne complesse e partire subito, posso rivelarti che il modo più semplice per riattivare vecchi clienti è semplicemente entrare in contatto con loro.

Medio: se hai un indirizzo email, scrivi un’email.

Meglio: se hai un indirizzo fisico, manda una lettera di vendita al loro domicilio.

Perfetto: manda una lettera di riattivazione al loro domicilio, con un piccolo omaggio allegato (una scatola di cioccolatini o similari), e fai seguire una telefonata dopo qualche giorno.

Devi mostrarti pronto a servirli nuovamente, mostrare interesse e dimostrare di voler onestamente prenderti cura del loro migliore interesse

Posso fornirti una traccia di sicuro successo:

“Sig. Bianchi, le scrivo/la chiamo perché l’ufficio clienti/il mio capo mi ha avvisato che è passato un po’ di tempo da quando ha acquistato da noi l’ultima volta.

Volevamo sinceramente sapere se per caso fosse rimasto per qualche motivo insoddisfatto di noi, se ha trovato un fornitore migliore o semplicemente se le sue esigenze sono cambiate.

In ogni caso, dato che fa parte storicamente dei nostri 50 migliori clienti, ci faceva piacere sapere se avesse intenzione di valutare una super offerta speciale dedicata a lei per il nostro nuovo prodotto XYZ…”.

Questo tipo di approccio ha un potenziale enorme ed è in grado di aprire un nuovo pozzo di petrolio per l’azienda che prima si considerava chiuso, secco o finito.

E lo fa GRATIS.

Ricorda sempre: fai seguire una chiamata ai potenziali clienti che vengono acquisiti dal marketing e soprattutto, prima di lanciarti in campagne per trovare nuovi clienti, avvia un motore perpetuo che riattivi i clienti persi, fermi o dati per spacciati.

Principio Immutabile Numero 7 - ​​Riattiva i clienti persi:

  • è più facile e meno costoso riattivare un cliente “perso”, rispetto a trovare nuovi clienti;
  • il modo più semplice per riattivarli è, banalmente, rientrare in contatto con loro;
  • mostrati interessato a volerti prendere cura del loro migliore interesse.

Vuoi diventare anche tu un Genio del Marketing grazie a Frank Merenda e Jay Abraham e portare il tuo business a raggiungere risultati che non avresti mai immaginato?

In questo report, sei entrato in contatto con 7 principi fondamentali che sono in grado di cambiare il tuo business da domattina.

Ma c’è di più… esiste un’occasione di quelle che capitano “una volta nella vita” nella quale Frank e Jay condivideranno ben 37 principi differenti su marketing e business strategico.

Si tratta del corso dal vivo:

Merenda Rock Marketing
Come diventare un Genio del Marketing


22-23 febbraio 2020 | RDS Stadium Rimini

Merenda Rock Marketing sarà, di fatto, il corso di marketing più grande mai tenuto in Europa!

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per partecipare al più grande corso di marketing mai tenuto in Europa con Frank MerendaJay Abraham Bruce Dickinson!

E per darti un’idea della magnitudo di questo evento, ti dico solo che ho dovuto prenotare un intero STADIO che ospita regolarmente i più grandi artisti e performer italiani e internazionali.

Durante questi due giorni, infatti, ospiteremo migliaia di imprenditori, liberi professionisti, venditori e lavoratori autonomi, che puntano a crescere e stravolgere in positivo le performance delle loro attività… proprio come te.

Due intere giornate a contatto con me e con un mostro sacro come Jay Abraham, considerato uno dei migliori pensatori strategici “non-convenzionali” nella creazione di business model, ristrutturazione strategica e rinnovo dei modelli di marketing aziendale di ogni tipo.

E come hai potuto leggere in questo report, spesso basta prendere anche solo UNO degli input che ti arrivano da Jay per incrementare le vendite di qualche milioncino in scioltezza.

Di fronte a numeri di questo tipo, la verità è che non si stupirebbe nessuno se decidessi di vendere il biglietto per Merenda Rock Marketing a un prezzo di listino di ALMENO 2.500€.

Sarebbe veramente il minimo sindacale per un summit che ti fornirà contenuti, spunti, informazioni e strategie così efficaci e testati da aver già fatto la fortuna di migliaia di persone in tutto in mondo e nei settori più disparati.

Ma se ora (giustamente) muori dalla voglia di comprare il tuo biglietto, devo confessarti che… non puoi.

Sì, hai letto bene.

Mentre leggi questa pagina, NON è possibile acquistare il biglietto per accedere 
a Merenda Rock Marketing

Sono forse impazzito?

Mi sono incattivito e non voglio più aiutare gli imprenditori, venditori e liberi professionisti del mio Paese?

Al contrario!

Voglio che chi sarà al RDS Stadium di Rimini, il 22 e 23 febbraio 2020, possa massimizzare i risultati ed estrarre ogni pepita d’oro da ciò che io, Jay Abraham e Bruce Dickinson insegneremo dal palco.

Ecco perché ho deciso di RISERVARE l’accesso a Merenda Rock Marketing su INVITO esclusivo SOLO per i soci del mio Circolo degli Imprenditori, che resteranno iscritti fino a febbraio 2020 compreso.

Quindi, se non sei ancora socio del mio Circolo, l’UNICO modo per ricevere il PASS esclusivo con il tuo posto per Merenda Rock Marketing è iscriverti ORA al Circolo degli Imprenditori!

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson!

Se hai imparato a conoscermi almeno un pochino, sai benissimo che il mio obiettivo è quello di aiutare imprenditori, liberi professionisti e venditori a realizzare quel sogno e quell’idea di business milionaria che troppo spesso rimangono chiusi nel cassetto… per colpa delle tasse immorali, della burocrazia tentacolare, della concorrenza estera sleale e di tutte le false idee sul marketing che ti hanno inculcato.

Ma allo stesso tempo, mi batto con forza contro chi cerca di venderti la “bacchetta magica” e le pozioni miracolose con la promessa di risolvere all’istante i problemi della tua azienda, facendotene spesso sorgere di nuovi e ben peggiori.

Di fatto, Merenda Rock Marketing è un corso in cui avrò l’onore di avere come miei ospiti SOLO gli imprenditori che hanno capito l’importanza di formarsi costantemente per garantire una crescita costante e duratura alla propria azienda.

Sono pronto a fare questo e molto altro per tener fede alla promessa che ho fatto e vedere ogni singolo indicatore delle aziende dei miei studenti schizzare verso l’alto e bucare il soffitto.

Ma l’unica strada per entrare tra le fila di chi parteciperà in esclusiva a questo summit leggendario ​— che vedrà la partecipazione bomba di Bruce Dickinson — è diventare ORA socio del mio Circolo degli Imprenditori

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson!

Il Circolo degli Imprenditori è una vera e propria membership a cui partecipa quell’élite di imprenditori che ha capito l’importanza di formarsi, di raccogliere costantemente informazioni, aggiornarsi e testare, con l’obiettivo di migliorare ogni giorno le performance della propria azienda.

Ho chiamato a raccolta i miei soci, collaboratori e persino i miei Maestri e ho chiesto loro di produrre ogni mese delle lezioni, dei report, delle lectio magistralis… che puoi ricevere comodamente a casa tua, sia in formato cartaceo, sia in formato digitale nella nostra Area Riservata.

Nello specifico…

I Membri del 
Circolo degli Imprenditori Gold Edition ricevono OGNI MESE:

1. Dossier Cartaceo di Frank Merenda che riceverai direttamente a casa TUA con tutte le novità in ambito marketing RISERVATE ai soci del Circolo (non saranno reperibili altrove).


2. Inserto speciale di Moreno Bonechi, sulla marketing automation e sull’acquisizione clienti dall’online all’offline, per mettere le basi del sistema che attirerà un fiume di clienti pronti a considerarti ed ascoltarti.


3. Fascicolo esclusivo sul copywriting. Lasciati guidare dalla magia delle parole giuste da utilizzare per vendere di più, ottenendo il massimo profitto dai tuoi potenziali clienti grazie al giusto messaggio.


4. Webinar Mensile con Moreno Bonechi e Raffaele Di Cristo. È la lezione online alla quale ogni imprenditore dovrebbe partecipare. Qualsiasi dubbio, esitazione o incertezza che riguarda il tuo marketing, come strutturarlo, scriverlo o finanziarlo, verrà cancellato e con esso tutti gli errori che ti hanno impedito di arrivare al successo fino ad oggi.


5. Aggiornamento dell’Area Riservata. Ogni mese caricheremo (di media) circa un’ora e mezza di video a porte chiuse di me che faccio formazione ai miei soci e al mio staff più ristretto. Si tratta di insegnamenti, nozioni e informazioni preziose riguardanti le strategie più avanzate di marketing e vendita che non divulgo da nessun’altra parte. Per te sarà come sbirciare durante le riunioni segrete di Planet Frank – ed è facilmente intuibile come non esista NIENTE del genere al di fuori di qui.


6. “Brand Report” aggiornato di mese in mese, dove i miei insegnanti di Brand Positioning Al e Laura Ries risponderanno direttamente alle domande dei soci del Circolo su qualsiasi dubbio inerente ai concetti di branding. È una vera e propria “rubrica per i BIG”, completamente inedita e creata appositamente per rispondere alle esigenze di posizionamento del mercato italiano.


7. SPREMERE I LIMONI: è il corso che ti rivela come aumentare fino a 10 volte il tuo fatturato fin da subito, per poter fare cassa velocemente e finanziare così la tua azienda (compreso il reparto marketing e acquisizione clienti). È un corso prezzato a 987 €.
Tu avrai accesso GRATIS ai video completi diventando socio del Circolo degli Imprenditori.

Attenzione: la mole di studio, per quanto riguarda Spremere i Limoni, è decisamente elevata. Proprio per questo i moduli non saranno disponibili tutti insieme, appena acquistati.

Resteranno a tua disposizione per essere visionati a piacere finché manterrai il tuo abbonamento attivo. I quattro moduli si sbloccheranno un mese alla volta, nell’arco complessivo di tre mesi.


8. Privilegi dei SOCI del Circolo degli Imprenditori: proprio come è successo per “I Maghi del Marketing”, “Superman Vendita”, “Marketing Evil” — e ora Merenda Rock Marketing — i soci del Circolo degli Imprenditori accedono a offerte speciali sui corsi e sugli eventi made in Planet Frank.

Inoltre, ora puoi accedere al Circolo degli Imprenditori anche tramite l’applicazione di Metodo Merenda per smartphone, la prima piattaforma modello Netflix per la formazione business nel mondo.

Esattamente come con Netflix, accedi e visualizzi. Oppure scarichi il contenuto sul tuo dispositivo in modo da poterne usufruire anche quando sei disconnesso o in viaggio.


Ho creato il Circolo degli Imprenditori proprio per fornirti ogni mese strumenti, strategie, informazioni e guide pratiche per non lasciarti MAI solo di fronte alle decisioni più complesse per la tua azienda… il tutto per un investimento ridicolo.

In questo momento, quindi, puoi affondare le mani in un tesoro di video, report cartacei, webinar e partecipare al corso esclusivo Merenda Rock Marketing.

In poche parole, tutto ciò che ti serve per dare la scossa alla tua attività e far ripartire il suo cuore pulsante.

E mentre ti assicuri tutto questo ben di Dio, otterrai anche il tuo invito esclusivo per Merenda Rock Marketing il 22 e il 23 febbraio 2020.

Grazie alle strategie e alle informazioni di Merenda Rock Marketing scoprirai come:

  • 1
    attrarre nuovi clienti di qualità come se fossi una calamita;
  • 2
    aumentare le dimensioni e il volume di acquisto dei tuoi clienti;
  • 3
    pacchettizzare i tuoi prodotti e servizi per raggiungere il massimo profitto e generare clienti e vendite senza spendere un centesimo;
  • 4
    trasformare clienti inattivi o persi in una nuova fonte perpetua di incassi (convertendo anche le lamentele dei clienti in guadagni inaspettati);
  • 5
    estrarre ogni singola goccia di denaro dai tuoi clienti nuovi e vecchi, non solo con i tuoi prodotti o servizi ma anche vendendo prodotti di altri con pochissimo sforzo da parte tua;
  • 6
    costruire la tua macchina di marketing che potrai gestire o delegare a chi vuoi, anche a gente con poca o nessuna esperienza strategica, ma sufficientemente capace di seguire istruzioni operative;
  • 7
    e molto altro…

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson!

Ora, ripeto: NON puoi acquistare il biglietto per partecipare a Merenda Rock Marketing.
Non è in vendita come per un qualsiasi altro corso.

L’unico modo per non perdere questo corso straordinario — di fatto il più grande corso di marketing mai tenuto in Europa — è iscriverti ORA al mio Circolo degli Imprenditori.

Accedi subito al Circolo degli Imprenditori e ottieni il tuo invito esclusivo per partecipare a…

Merenda Rock Marketing
Come diventare un Genio del Marketing


22-23 febbraio 2020 | RDS Stadium Rimini

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson!

Se pensi che due giornate non siano sufficienti per dare il giro di volta alla tua attività, senti cosa è successo l’ultima volta che ho tenuto un corso di questo tipo.

“Non mi sarei mai aspettato così tanto valore”

“È da poco più di un anno e mezzo che seguo Frank Merenda dapprima leggendo i suoi articoli, guardando i suoi video e attingendo a tutto il materiale gratuito: già qui mi si aprì un mondo perché il valore che offriva in questi contenuti era di gran lunga superiore ad altri corsi acquistati o eventi a cui avevo partecipato (sempre a pagamento).

Quindi ho iniziato ad approfondire acquistando libri fino ad arrivare ad iscrivermi al Circolo degli Imprenditori Gold da qualche mese e Marketing Evil è stato per me il primo evento dal vivo: immaginavo il valore che potesse fornire ma davvero non mi sarei mai aspettato così tanto (considerando che era un evento di front-end😃). Sto costruendo la mia azienda nel mondo degli E-Sports e non vedo l’ora di incassare per poter reinvestire tutto in formazione e in un percorso completo con lui.

È stata un’esperienza “scioccante” e anche molto divertente. Frank dal vivo è ancora più magnetico. La cosa che forse mi ha sorpreso più di tutte è stata la sessione di domande-risposte del primo giorno, a cui ho partecipato ascoltando le domande degli imprenditori platinum più esperti di me: mi ha stupito la lucidità e la visione strategica con la quale Frank ha risposto immediatamente indicando le strategie aziendali corrette in due minuti.

Grazie di cuore per tutto.

ALBERTO DI TERESA

CEO ADT Esports Academy

​“Dove sarei oggi se non avessi incontrato Frank Merenda?”

“Maggio 2018 vs Maggio 2019 => +339,63%
 Giugno 2018 vs Giugno 2019 => +289,24%
 Luglio 2018 vs Luglio 2019 => +327,71%
 Io posso anche essere o sentirmi figo un bel po'. Ma la domanda è:
 Dove sarei oggi se non avessi incontrato Frank Merenda?
 Non so te ma io preferisco non saperlo e sapere invece dove sto andando. E con chi.”

GIANFRANCO LO CASCIO

BBQ4All

​È una possibilità che capita davvero una volta nella vita… soprattutto vista l’eccezionalità di ospiti come Jay e Bruce Dickinson (che come puoi immaginare, è sempre in giro per il mondo) e che non resterà aperta per sempre.

Quindi non c’è da tentennare, rimandare o dubitare.

Devi soltanto concedere a te stesso e al tuo progetto la chance di esprimere tutto il potenziale che finora è rimasto nascosto, grazie agli insegnamenti dei migliori maestri di marketing e vendita al mondo, che per ben due giorni saranno a tua disposizione dal palco del RDS Stadium di Rimini.

Voglio che anche tu possa comparire tra le numerose testimonianze di successo che hai potuto leggere già in questo report.

Quindi cosa aspetti?

Accedi subito al Circolo degli Imprenditori e ottieni il tuo invito esclusivo per partecipare a…

Merenda Rock Marketing
Come diventare un Genio del Marketing


22-23 febbraio 2020 | RDS Stadium Rimini

Sì, voglio accedere all’invito esclusivo per Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson!

Vuoi accedere all’invito esclusivo per partecipare a Merenda Rock Marketing con Frank Merenda, Jay Abraham e Bruce Dickinson il 22-23 febbraio 2020 al RDS Stadium Rimini?

NON puoi acquistare il biglietto per partecipare a Merenda Rock Marketing.
Non è in vendita come per un qualsiasi altro corso.
L’unico modo per non perdere questo corso straordinario — di fatto il più grande corso di marketing mai tenuto in Europa — è iscriverti ORA (o essere già iscritto) al mio Circolo degli Imprenditori e rimanere iscritto fino a febbraio 2020.

Lascia i tuoi dati nel form qui sotto per scoprire come ottenere il tuo pass.

​Ti aspetto nel Circolo degli Imprenditori e non vedo l’ora di accoglierti a Rimini per Merenda Rock Marketing insieme a tutto lo staff di Metodo Merenda!



Rock ’n’ Roll!
Frank Merenda

Per assistenza chiama il numero verde 800.790053 oppure clicca qui assistenzametodomerenda.com

Copyright © 2019 | Mercury Training Group SA - Viale Stefano Franscini 16 - 6900 Lugano, Svizzera | Privacy Policy